siamo su Facebook

Banner

Da vomito

Mercoledì 09 Aprile 2014

STEFANO ROMITA

Non ci sarebbe bisogno di aiuto dello sport per mostrare a tutti che l’Italia fa schifo. Che la giustizia non esiste. Che siamo un paese da barzelletta. Basterebbe lo scoop del quotidiano “L’Avvenire”sempre che sia realmente così – per cui a Silvio Berlusconi, che avrebbe dovuto scontare 4 anni, poi passati a uno e infine a nove mesi, sarà assegnata, come recupero nei servizi sociali, l’assistenza agli anziani disabili. E per un solo giorno a settimana. Se tutto viene stravolto, se tutto viene piegato agli interessi di parte, se ogni decisione deve farsi beffe delle leggi e delle regole che la stessa società fissa per tutti, che senso ha chiamare ancora la giustizia con questo nome? Non ci si pensa più da tempo alla politica, all’andamento delle cose, a come il resto d’Europa e del mondo giudica questa Italia. Strillava Bossi e ora strilla Grillo.


Leggi tutto...




Totti & figli, gioielli da 17 anni PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 24 Aprile 2014 08:34

PIETRO ANDREA COLETTI

Totti e i suoi figli. Una generazione di ragazzi che non sanno cosa sia un calcio senza Totti, una Roma senza il suo Capitano, una maglia giallorossa numero 10 senza quelle cinque lettere stampate sopra. Tutti quei ragazzi romani e quindi romanisti cresciuti ammirando le gesta del campione senza tempo. Tanti di questi ragazzi neanche erano nati il giorno del primo gol di Totti al Milan. Era il 13 ottobre del ’96 e la Roma di Carlos Bianchi batteva il Milan di Oscar Tabarez all’Olimpico grazie ai gol di Balbo, Cappioli e proprio Francesco Totti che al 13’ superava Sebastiano Rossi con uno splendido pallonetto. In pochi della generazione dei figli di Totti si potranno ricordare quel tocco magico. Sicuramente il primogenito di questa stirpe, il suo Cristian, quel gol l’avrà rivissuto nei racconti del padre che domani sera giocherà la sua 37sima partita contro i rossoneri in carriera.

Leggi tutto...
 
Garcia: ''Ci credo, oggi e domani'' PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 24 Aprile 2014 08:32

VALERIA META

Va dritto sulla verità, Rudi Garcia, che si parli del campionato in corso, della Champions che sarà o del suo futuro. «Voglio rimanere alla Roma, ma voglio una squadra competitiva, capace di affrontare la Champions e contemporaneamente lottare per lo scudetto». Così il tecnico francese nella lunga intervista a Sportmediaset in occasione dell’uscita della sua autobiografia. «La mia volontà è chiara – ha continuato l’allenatore -, quello che penso l’ho già detto alla società. Non mi interessano le voci su Paris Saint-Germain o altre squadre. Non pongo condizioni particolari, dico però che l’anno prossimo giocheremo la Champions e dovremo essere pronti. Affronteremo un campionato che sarà ancor più difficile di quello di quest’anno: forse faremo meno punti ma magari vinceremo lo scudetto ma soprattutto, ribadisco, dobbiamo essere in grado di affrontare al meglio la Champions. Non la giocheremo per vincerla perché ora come ora non è possibile, non siamo programmati per questo, ma voglio almeno giocarmi da protagonista il girone e arrivare alla seconda fase».

Leggi tutto...
 
Impunito il razzismo juventino PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 24 Aprile 2014 08:28

LUCA PELOSI

Funziona così: gli ispettori federali all’Olimpico, in Roma-Napoli, iniziano a sentire i cori contro i napoletani ben prima dell’inizio della partita e delle riprese televisive. E scrivono anche i minuti in cui avvengono i cori (19,20; 19,28; 19,50; 19,55; 20,26; 20,36; 20,45 e 20,47 in occasione dell’ultimo Roma- Napoli). Così arriva la squalifica della Sud. Gli stessi ispettori federali, cioè, non gli stessi, quelli di Torino, non sentono in maniera chiaramente percettibile i cori antisemiti dei tifosi juventini in Juventus-Fiorentina, partita del 9 marzo vinta 1-0 dalla Juventus e con un gol regolare annullato alla Fiorentina. Eppure, dalle riprese televisive i cori si sentivano chiaramente, oltre al fatto che è veramente difficile non sentire un coro allo Juventus Stadium, impianto che è diventato famoso proprio perché il tifo si sente più che in ogni altro stadio italiano. Tant’è, il giudice sportivo Tosel chiede un supplemento d’indagine

Leggi tutto...
 
Olimpico, saremo più di 50mila! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 23 Aprile 2014 08:20

ANTON FILIPPO FERRARI

L’ennesima dimostrazione d’amore. Questo andrà in scena venerdì sera allo stadio Olimpico in occasione della partita contro il Milan di Clarence Seedorf. Dimostrazione d’amore da parte dei tifosi della Roma che sugli spalti saranno in più di 50mila per continuare ad abbracciare la loro squadra. Per ora, in pochi giorni, sono andati via oltre 20mila biglietti che, sommati ai quasi 24mila abbonati, portano già a 44mila il numero delle presenze.

Leggi tutto...
 
Pjanic, un sabato da Lione PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 19 Aprile 2014 09:10

DANIELE GALLI

Mira , c’è Firenze. E poi Mira oltre, c’è il tuo rinnovo. Sono giorni belli, giorni geniali, giorni di grandezza. Giorni, il giorno: oggi. Scontata la giornata di squalifica, Pjanic si rimette addosso la Roma nella trasferta dove più c’è bisogno, quella dove bisogna incantare, stupire, quella dove è necessario tirare fuori la bacchetta magica perché davanti c’è la squadra col secondo gioco più bello d’Italia, c’è la Fiorentina dei romanisti, quella targata Montella ma pure Aquilani e Pizarro, o il diesse Daniele Pradè e l’addetta stampa Elena Turra. Sono giorni da Lione per lo smeraldo romanista che oggi riaffronta un avversario dal sapore particolare, ritrova la Fiorentina che significò per Miralem il primo gol in Champions della sua carriera.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 949

La Prima Pagina

LOGIN ABBONATI

Cogito ergo Sud

Cogito ergo Sud - Il Blog di Tonino Cagnucci

Il grifone fragile

Il grifone fragile - un libro di Tonino Cagnucci

SEGNALACI AD AMICI

Antonello Colonna

lo chef "Romanista"

www.antonellocolonna.it